MERCI HANDY, SMILE DETOX 14 DAYS IN BERRY COOL

Benvenuti nel mio blog!

Avete mai sentito parlare di un trattamento denti pulente e, anche, sbiancante efficace e a basso costo? Se la risposta è no, continuate a leggere!

Di Merci Handy non avevo ancora provato nulla, anche se mi incuriosiscono tutti i loro prodotti, dalle creme mani al dentifricio.

Quest’estate guardando qualche video, moltissime Youtuber parlavano dello Smile Detox, un nuovo prodotto per avere una bocca più sana e denti più bianchi in maniera naturale, efficace e, soprattutto, non costosa.

Prima di dirvi cosa contiene, anche perchè l’ho appena scoperto – nella confezione è scritto in piccolino -, parliamo velocemente del prodotto.

E’ un collutorio da usare per 14 giorni consecutivi. La dose giornaliera è contenuta in una bustina da 10 ml.

Modo d’uso:

  1. Massaggiare la bustina fino a che il suo contenuto diventa liquido e morbido
  2. Tagliare in alto con una forbice
  3. Versare il tutto in bocca
  4. Muovere l’olietto per 10-15 minuti
  5. Sputare
  6. Sciacquare

Ingredienti: olio di cocco, carbone vegetale attivo, aromi. No attivi sbiancanti artificiali.

Ci sono 4 varianti: menta, berry, liquirizia e il mix di questi tre.

Si può acquistare direttamente sul loro sito o da Sephora (sia online, che nei negozi).

Per creare questo speciale collutorio, Merci Handy si è ispirata a un antico rimedio naturale indiano chiamato oil pulling, usato per ridurre i batteri che provocano le carie e l’alito cattivo.

La mia conclusione

La prima volta che l’ho provato, mi sembrava difficile resistere per dieci minuti perchè ogni bustina contiene molto prodotto. Le volte successive invece ho preso confidenza…

Il mio consiglio è di utilizzarlo quando avete un po’ di tempo libero (ad esempio mentre guardate la tv o scegliete l’outfit del giorno).

Il gusto (Berry) era davvero piacevole, anche una volta sciacquato.

Ho sicuramente notato dei denti più bianchi e puliti. Per questo non posso che raccomandarvelo visti gli ingredienti naturali e il costo contenuto.

Voi l’avete provato?

Rispondi